Crea sito

Acqua! Elisir di lunga vita o Diceria dell’untore?

L’acqua, da tempo ormai, divide le opinioni delle persone. Quanta ne ha bisogno, ogni giorno, il nostro corpo per essere elisir di lunga vita?

Il mio lavoro di coach del benessere mi porta spesso in discussioni riguardanti temi come questo. Le persone più coinvolte sono sempre quelle che non ne bevono o bevono poco.

L’argomento principale è: Si devono bere davvero 2 litri d’acqua al giorno? Oppure è solo una diceria?

La risposta è SI! Si devono bere minimo 2 litri d’acqua al giorno, in estate anche di più! Occorre evitare la disidratazione in anticipo.

Perché un’adeguata idratazione è così importante?

I fatti!

Tutti gli esperti di nutrizione sono d’accordo sul fatto che dobbiamo bere almeno 8 bicchieri d’acqua al giorno.

Ovviamente le esigenze variano a seconda di età, sesso e attività fisica esercitata. In linea di massima se ne dovrebbero bere un litro ogni 25kg di peso corporeo. Appunto gli 8 bicchieri al giorno di cui sopra.

Lo sai perché è così importante?

Primo, il corpo umano è composto per il 60-70% d’acqua. Anche il nostro cervello è fatto per la maggior parte di acqua.

Non esagera chi dice: “L’acqua serve alla sopravvivenza.”

Voglio farvi notare alcune delle principali funzioni essenziali che svolge l’acqua:

  • Serve per regolare la temperatura corporea
  • Contribuisce alle funzioni cognitive (influisce sul cervello)
  • Aiuta le prestazioni fisiche
  • Partecipa attivamente alla digestione e all’evacuazione.

A proposito dell’ultimo punto; bere durante i pasti NON fa male!
L’acqua non diluisce i succhi gastrici né intralcia in alcun modo la digestione.

Si, è vero, frutta e verdura, mangiate in gran quantità ad ogni pasto, possono arrivare a coprire anche più del 20% del fabbisogno di liquidi giornalieri.

Ma siamo sinceri, quanti di noi mangiano così tutti giorni?

In un pasto che comprende un’insalata, broccoli, del riso non brillato e anguria si “bevono” circa 3 bicchieri d’acqua.

Ma di solito la nostra dieta è più “asciutta”: Pasta come primo, secondi accompagnati da verdure o insalate, ma anche pane bianco.

Sapevi che è stato dimostrato che in date condizioni basta l’1% di disidratazione per provocare forti variazioni sulla temperatura corporea?

Mentre il 2% di disidratazione può incidere pesantemente sul rendimento?

Infatti, quando mio figlio fa i compiti a casa, può capitare che si senta stanco e con un lieve mal di testa. In questi casi gli porto subito un bicchiere d’acqua e in pochi minuti si sente meglio e recupera la concentrazione.

Meglio acqua fredda o ambiente?

Lui vuole sempre dell’acqua ghiacciata.

Fino a pochi anni fa credevo anch’io che l’acqua fredda facesse male. Era solo una credenza errata trasmessa da generazioni nella mia famiglia.

Non ha nessuna importanza la temperatura dell’acqua.

Dal punto di vista dell’idratazione, un liquido caldo, tiepido, fresco o freddo che sia, avrà sempre lo stesso potere idratante.

La temperatura influisce solo sui tempi di consumo.

Una tisana calda o una bibita gelata si bevono di sicuro più lentamente di un bicchiere d’acqua tiepida. Nel caso della bibita gelata per evitare il “congelamento del cervello”. Nel caso della tisana calda per evitare “ustioni del gargarozzo”

Come fare!

Dopo tutti questi chiarimenti pseudo-scientifici, rimane ancora un punto da chiarire!

Come faccio a bere di più se l’acqua a me non piace?

Infatti non si può dire che abbia un buon gusto. A dire il vero l’acqua non ha nessun gusto. Proprio questo è il bello perché possiamo darle il gusto che più ci piace.

Io ho cominciato a bere di più con le tisane che si possono consumare sia calde che fredde. Dato che volevo anche dei benefici da queste tisane, mi sono appassionato al nostro infuso alle erbe. Non solo mi aiuta a bere di più, ma allo stesso tempo elimina l’acqua in eccesso dai tessuti del mio corpo. Il risultato è un miglioramento della ritenzione idrica sulle gambe.

Per chi, come a mio figlio, non piacciono le tisane c’è un’altra soluzione.

Il nostro succo di Aloe Vera al gusto mango o limone.
Non solo dà un buon aroma all’acqua e idrata di più, ma dà anche sollievo all’apparato gastro intestinale, dalla gola allo stomaco.

Conclusione!

Niente si fa dall’oggi al domani.

Passo dopo passo però, possiamo cambiare e migliorare le nostre abitudini. Con piccoli aiuti concreti aiutiamo la nostra salute e otteniamo più benefici di quelli che, forse, ci aspettiamo veramente.

Con questo vi saluto brindando alla salute:

e acqua sia!